@YOURS / webcam portrait ’20

Progetto fotografico di Clara Coser per @lefotodiclara

Svolto nel periodo dal 06/04/2020 al 27/04/2020


@YOURS

Da te.

Verso te, con te, insieme.

Un incontro che azzera le distanze.

Questo progetto nasce nel tempo della quarantena che rimarrà nella storia di ognuno di noi, un tempo che ci segnerà come esseri umani e come ospiti della Terra, dove le nostre case segnano confini anche stretti e dove la tecnologia ci aiuta a romperli per uscire, creare, incontrarsi, vedersi. Se pur virtualmente, con profonda intensità umanità.


Con @YOURS ho voluto mettere la fotografia in movimento e a servizio, un veicolo importante e prezioso per raccogliere racconti della vita trascorsa in quarantena e fermarli in ricordi che restituiscano a ciascuno il personale modo di essersi misurato con questa nuova dimensione in cui la casa diventa nuovo territorio che ospita tutti i nostri riti quotidiani, uno spazio domestico reinventato, trasformato, tetto di nuove abitudini e diversi equilibri in un tempo che ci vede in cammino. Ognuno con il suo passo e i suoi tempi.


Ho lanciato @YOURS / webcam portrait sui miei canali social lasciando che chiunque potesse aderirvi, gratuitamente, nella voglia di aprire le porte della propria abitazione e delle proprie emozioni e facendo di uno schermo una finestra da cui poterci affacciare verso l’incontro e il racconto.

Le foto raccolte in questo progetto sono il risultato di una somma di storie che se pur geograficamente lontane e confinate dentro le proprie abitazioni, condividono il comune “sentire” dell’isolamento, della fatica, i disequilibri, la paura, la stretta convivenza con le proprie solitudini o con i compagni di viaggio, coinquilini di uno stesso spazio.


@YOURS consiste in una serie di ritratti realizzati con la reflex ad un monitor durante videochiamate via Skype, questo mi ha permesso non solo di viaggiare da nord al sud Italia passando dal centro ma anche di uscire verso Svizzera e Ungheria per gli italiani all’estero. 


In tre settimane sono riuscita a fare una trentina di incontri organizzati in modo che ognuno potesse avere uno spazio temporale necessario per accomodarsi dentro un’esperienza nuova, collaborativa e condivisa. Uno spazio dentro il quale vedersi per la prima volta e conoscersi senza un timer che ne scandisse la fine. 


Fotografare uno schermo che si muove grazie all’altro che tiene il movimento della webcam, è stato qualcosa di molto interessante. Il fotografo guida il soggetto da fotografare e indica dove posizionare il proprio apparecchio connesso, mentre si calpesta insieme il perimetro dello spazio, lo si osserva e si crea insieme la composizione fotografica.


Le persone incontrate hanno generosamente aperto non solo la propria casa e la propria storia ma anche il desiderio di “vivere” un’esperienza diversa in un tempo in cui ogni cosa lo è. Ho chiesto a ciascuno di raccontarmi di sé in modo libero, entrando nei luoghi del cuore con molta discrezione e ascolto per cogliere i suoi “colori”.
Ho cercato la spontaneità e l’autenticità nella coerenza con la mia linea poetica, alle persone incontrate ho chiesto di scegliere la stanza o lo spazio che più stavano vivendo e che più rappresentavano il tempo della quarantena, così per gli oggetti che lo accompagnavano.

Ciascuno è stato libero di portarmi dentro questi luoghi attraverso percorsi che li raccontavano ma soprattutto libero di porsi di fronte allo schermo così come si sentiva di “essere”. Ho guidato le persone in base alla luce naturale che arrivava dalle finestre e dato qualche indicazione rispetto al dove collocarsi lungo una linea narrativa che mi si palesava nel divenire degli spostamenti, pian piano senza lo studio di pose innaturali o di movimenti estranei, non strettamente identitari.


La finalità di @YOURS non è la restituzione di una 'bella foto' tecnicamente corretta, bensì  restituire ricordi emotivi, frammenti di un tempo ritrovato in cui riconoscersi, rivedersi, anche nella bellezza delle sbavature, nelle disconnessioni, nelle zone d’ombra e negli animi mossi che è lì che si vede meglio la luce quando entra 'mettendo in corsivo ogni cosa che tocca'. Ed è lì che risiede la bellezza di ciascuno.

Ho restituito le foto post-prodotte a ogni persona incontrata chiedendogli di scrivermi un pensiero personale sul proprio vivere la quarantena, anche solo di una riga. Ogni scritto che mi è stato donato lo troverete cliccando su ciascuna foto che riporterà nome, luogo e data di scatto. In questo modo ognuno avrà la possibilità di vedere e leggere qualcosa di molto intimo con cui potersi confrontare.

LETTURA DEL PROGETTO:

@YOURS è un reportage fotografico presentato come una mappatura di volti, di storie ed emozioni che da singole formano un insieme, sconfinando oltre le mura delle nostre case e delle nostre individualità isolate e lontane per incontrarsi dentro un sentimento che ci accomuna tutti quanti e ci avvicina, per questo ho creato un collage di volti che si raccontano singolarmente ma che prendono vita narrativa ed emotiva nell'insieme, nella relazione con l’altro dentro un unico grande frame che accoglie ogni solitudine. Cliccando sopra ciascuna foto si aprirà una pagina dedicata alla singola persona dove poterla leggere nelle immagini e nelle sue parole. 

Le foto non sono ordinate in modo cronologico, la sequenza è stata pensata in base al processo emotivo con cui stiamo stati catapultati dentro un tempo inaspettato, di fermo. Di domande, di insicurezze, di incertezze, fino a maturare una certa consapevolezza, un precario equilibrio divenuto sempre più abitudine dentro routine inaspettate e rimodellate.

Con il trascorrere dei giorni stare in casa è diventata una misura conosciuta e c’è chi in tutto questo ci ha trovato del buono, del bello, dei doni se pur faticosamente. Infine c'è l'apertura a un sorriso verso l’esterno, verso chi ci guarda perché abbiamo bisogno dell’altro anche solo per sapere che ci siamo. Siamo vivi e pronti a ripartire qualora arriverà il tempo, portando fuori gli insegnamenti che questo vissuto importante ci ha donato.

Come scrive Mariangela Gualtieri:

“c’è dell’oro, credo, in questo tempo strano.

Forse ci sono doni.

Pepite d’oro per noi. Se ci aiutiamo.”

@YOURS / webcam portrait ‘20

Ringrazio:

di vero cuore tutti coloro che hanno sostenuto @YOURS con entusiasmo, fiducia, coraggio e partecipazione.
A chi mi ha dedicato il suo tempo, chi si è raccontato, chi ho incontrato e si è prestato a uno scambio arricchente.


GRAZIE.


Questo progetto spero troverà un suo respiro, magari una pubblicazione o una mostra. Intanto vorrei viaggiasse attraverso i nostri cuori e arrivasse a tutti coloro che non ho incontrato per poterci confrontare e confortare nel sentirci tutti vicini.

Per info o collaborazioni potete contattarmi a info@lefotodiclara.com


Lascio due link che riportano a due testi scritti da due donne speciali che raccontano la loro esperienza con questo progetto, come l'hanno vissuta e come si sono riviste poi.

Sono due testi che vi cosiglio di leggere perchè anche se personali sono specchi in cui ciacuno può leggere qualcosa di sè.


Daniela per Storie senza trama: @YOURS, #lefotodiclara e il racconto del mio tempo ritrovato

Francesca per Io ti scrivo alle 18: lefotodiclara e il progetto fotografico @YOURS: ritratti in questo tempo via webcam